.
Annunci online

 
Ambiente ed Energia
 


































 


La nostra “Officina” nasce come blog “aperto”…nel pieno significato della parola. Aperto al dibattito, alle idee, alle nuove proposte. Se qualcuno tra i lettori fosse intenzionato a partecipare in modo serio, costruttivo e propositivo al progetto è il benvenuto e può inoltrare una mail all’indirizzo sottostante questa nota, allegando un suo articolo/post inedito che vorrebbe vedere inserito su Officina Democratica.
Prenderemo in esame le vostre creazioni e, se ritenute in linea con lo spirito che unisce noi tutti, saranno pubblicate.
Ci auguriamo che questo nostro esperimento possa risultarvi gradito...

officinademocratica@yahoo.it

___________________________



Il meta-blog delle sinistre 
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Locations of visitors to this page Site Meter






Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.

Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi alla redazione del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.


16 giugno 2007

Se non cambiano prima le cose…non ci sarà mai alcun risparmio energetico che tenga…



Era da qualche giorno che volevo fare la seguente riflessione…da quando l’ENI ha promosso l’iniziativa “30 per cento”, che sarebbe una raccolta di 24 consigli utili per il risparmio energetico.
In realtà questo è un discorso che mi ronza nella testa già da questo inverno…in concomitanza con la campagna “M'illumino di meno”…
Ovviamente questo genere di iniziative sono senza dubbio encomiabili ed utili, però a mio avviso troppo spesso sono associate ad un messaggio completamente errato.
Ad esempio, nell’immagine che vedete qui sopra, che rappresenta un paio di fotogrammi del manifesto pubblicitario del “vademecum” proposto dall’ENI, come potete vedere vi è ben scritto “ora tocca a te”…come se loro, dai “piani alti”, avessero fatto tutto il possibile per rimediare alla critica condizione ambientale odierna ed adesso stesse solo a noi fare la nostra parte…
Forse sarò un po’ spigoloso dicendo questo, ma credo che l’alone di buonismo di cui vogliono circondare queste iniziative serva più che altro a darci un ennesimo contentino più che a produrre benefici reali.
Ci vorrebbero far credere che l’inquinamento di oggi possa essere combattuto solo con il risparmio energetico delle persone, ma non è così. Ovviamente l’oculatezza nei consumi è importante, ma tutte (e ripeto tutte) le iniziative di questo genere non producono alcun risultato apprezzabile nel tempo.
A regola, queste iniziative dovrebbero avere il fine ultimo del risparmio, per veder ridurre i consumi e di conseguenza l’inquinamento; ebbene se però il problema non viene affrontato alla radice accadrà questo: il petrolio risparmiato “oggi”, seguendo i consigli che vengono dispensati di volta in volta, sarà utilizzato “domani”…semplicemente…ed inquinerà alla stessa identica maniera. Se tra 40 anni circa le scorte di petrolio saranno esaurite, con queste iniziative, finiranno tra 40 anni e qualche giorno…detto in franchezza non mi sembra proprio un gran risultato. (ammetto che come ragionamento è un po' semplicistico, ma rende bene l’idea)
Quindi…va bene risparmiare il “30 per cento”, va bene “illuminarsi di meno”, ma rendiamoci anche conto che se continuano a venderci (ancora nel 2007 e chissà per quanto altro tempo ancora) automobili il cui progetto (in definitiva) risale al 1854, quando invece già esistono e sarebbero commercializzabili auto elettriche, ad idrogeno, ad aria compressa e ad acqua, la situazione non cambierà mai*. Rendiamoci conto che se si continua a puntare sul petrolio, sul carbone o anche sul nucleare quando ad esempio ci sono i “pannelli solari termici a concentrazione”**, che con un metro quadrato producono la stessa elettricità prodotta con la combustione di un barile di petrolio, che funzionano anche di notte e che vengono lasciati in soffitta, difficilmente vedremo cambiare le cose.
Se non cambiano prima queste cose…non ci sarà mai alcun risparmio energetico che tenga…


(* qualcosa forse si muove: la Toyota e la Nissan sembra che inizieranno a commercializzare un paio di modelli completamente elettrici con prestazioni del tutto simili alle attuali auto “a scoppio” dal 2010)

(**già oggi in Spagna, per l’esattezza in Andalucia ed in Murcia, si ricava il 70% dell’energia elettrica utilizzata dall’eolico e dal solare…e si punta entro il 2010 a coprire il 100% dei consumi con queste tecnologie.
Tutto questo per dire che parlare di energie rinnovabili non è un’illusione…soprattutto vedendo che già oggi c’è chi lo fa…ed è anche piuttosto vicino a noi.)

Lou Mogghe






permalink | inviato da OfficinaDemocratica il 16/6/2007 alle 13:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile       
 

 rubriche

Diario
Politica Interna
Politica Estera
Economia
Etica e Società
Ambiente ed Energia
Cultura

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Blog Libero
ComiComix
Giornalettismo
Il vaso di Pandora
LiberoWeb
Peace Reporter
Terror Pilots
Virtualblog
Zarathustra

Castenaso Forever
Eclissi di Sole
ErlKonig
L'opinione di Fabio
Letizia Palmisano
Lou Mogghe
Parte Attiva
Pistorius
PoliticaOggi
Rinascita Nazionale
Tilt 64

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom